PVT MAGAZINE 2018/19 #1

IT’S TIME…
Cazzo, sempre di corsa: manca poco e come al solito sono in ritardo. Il borsone? Ma dov’è finito adesso il borsone? Ah, eccolo! Bella (!), dentro c’è tutto. Meno male che l’avevo già preparato ieri. Che ore sono? Minchia! 19:45!!! Mo’ devo volare al campo, altrimenti gli altri mi linciano. E’ anche sì la prima giornata…stasera dobbiamo spaccare tutto!
Eh sì ragazzi, Pavia Tornei is back! Dopo 3 mesi di attesa è giunto il momento di riallacciarsi gli scarpini e scendere di nuovo in campo. Per mettersi alla prova, dimostrare il proprio valore misurandosi con gli avversari, per volare verso grandi traguardi e lasciare la propria impronta indelebile. Ma, soprattutto, per stare con gli amici e divertirsi. E allora, cosa stiamo aspettando?!? Con la prima giornata in archivio, proviamo a capire chi si è già distinto.

Champions League C5

Tre raggruppamenti con una media di 10 squadre ciascuno: questo è il pianeta futsal, fatto di geometrie e palleggio. Chi avrà preso le giuste misure, per cominciare? Lo scopriamo subito, tratteggiando meglio i contorni di ogni girone.
Girone A – Vecchia guardia e nuove speranze
Il titolo è eloquente: le vecchie conoscenze FC Atakawa (ex Di Miceli), KTSM C5 e Chiavo Veronica rispondono presente alla prima chiamata. Danno, infatti, un “caloroso” benvenuto a tre nuove compagini: FC Atakawa annienta il Pro Secco (11-0); KTSM demolisce il Mirabello (12-2), mentre il Chiavo Veronica “battezza” il Sirty Danchez (11-2). In attesa di conoscere le potenzialità di Anubis FPD, a riposo per questo turno, tiene il passo delle veterane AC Vigalfo: è ottima la sua prima con un roboante 12-4 sull’Herta Vernello.
Girone B – Equilibrio
Notando le formazioni che compongono questo gruppo, non poteva che venirmi in mente una parola: equilibrio. Che è più di un semplice sostantivo, un concetto: ovvero forze in campo che si equivalgono (o quasi), con molteplici possibili risultati. E, infatti, l’esordio mi dà ragione: Fly Emigrates (ex FC Landriano) rovescia i pronostici vincendo su Kuko 33 (ex Despacitos 69, finalisti della scorsa edizione di Champions). AS 104 (con parte degli All Black, finalisti dell’ Europa League passata) arranca, ma trionfa su un rigenerato e solido Atletico Spritz 2.0 (6-4). Tre incognite: due sono le squadre che devono ancora iniziare la propria avventura, ovvero I Charrui e FC Gamba; la terza è Futsal FGP, spietata sì contro i Fuori Sede (13-2), ma che dovrà riconfermarsi con rivali più blasonati. La sintesi dell’ equilibrio è, però, testimoniata dall’ ultima coppia: gli Young Boys e il Clan 90, due corazzate, pareggiano e guadagnano un solo punto, ma non fatevi ingannare, questi lottano sempre per il titolo.
Girone C – Grezzo e raffinato
No, non sto scrivendo dell’ oro nero, ma delle capacità e della caratura dei team di questo girone. Il prodotto finito è costituito da Real Alcolizzati e Gasoglio (ex Oglio’s Tim, Final 8 della Champions 2017/18), che trovano il primo successo rispettivamente contro il Titan (11-1) e contro Evertonno (11-6, ma ottima materia prima, da tener d’occhio). Da raffinare, ma senz’altro promettenti, la Longobarda e Jerdon Team, che si tolgono la prima soddisfazione: la Longobarda cresce nel tempo e argina la baldanza dell’Atletico Baionetta (5-4), mentre il Jerdon Team domina sostanzialmente lo scontro con l’ Atletico Madrink (4-1). Da testare, invece, le doti degli Old Boys e dei loro rivali, che devono ancora disputare la propria gara.
Il Lupo perde il pelo…
Ma non il vizio: chiosa finale sui protagonisti di questa settimana, veri e propri cecchini infallibili. Chi sono? Sorbara M. (KTSM C5) e Congi F. (Gasoglio), che, con 6 centri ciascuno, hanno già acceso la sfida per lo scettro di capocannoniere.

Champions League C7 

Stesso numero di raggruppamenti del circuito a cinque, più uno: sì, perché ai tre gruppi degli Amatori, si aggiunge quello Pro, per chi ama le battaglie ardite. Il C7 differisce dal C5 almeno per due componenti: qui, infatti, forza fisica e tecnica individuale fanno più spesso la differenza. Cerchiamo allora di farci un’idea su chi potrebbe avere le carte giuste per imporsi.
Girone A – Pronti, partenza…via!
Tagliano benissimo i nastri di partenza Catania Calcio, Penarol e Real Colisti. Il mio augurio è che sia stata una prima volta da ricordare per Catania Calcio e Penarol: le due esordienti brindano appunto al primo successo. I rossazzurri superano agevolmente il Tettenham (8-4), mentre i gialloneri conquistano il bottino pieno con un incoraggiante 4-2 sull’ Eduma. Nessuno stupore per i Real Colisti: l’esperienza paga e regala la prima affermazione sull’ O.S.R. Pampuri (4-2). I “fratelli alcolici” dell’ Aston Birra a riposo per questo turno.
Girone B – Genesi
In principio vi erano tre compagini al comando: S.C.A. Ppatidicasa, New Team Casarile e Bespoke Utd. Stesso destino, ma iter differenti: al cardiopalma la vittoria di S.C.A. Ppatidicasa , che prevalgono sulle vecchie volpi della Marchigiana per una sola marcatura (3-2). Senza particolari fatiche, invece, New Team Casarile e Bespoke Utd: con una certa dose di sicurezza il primo, che non trova grossi ostacoli contro il Montebolone (5-2); sul velluto, addirittura, Bespoke Utd, che passeggia (7-2) su Scarpa e Allaccia. Non brilla ancora la stella rossoblù della Steaua Bucuresti, ai box a questo giro.
Girone C – …sorpresa!!!
Per nulla piacevole sarà stata quella inferta a Il Falco (campione in carica) dal PSV Hangover. Da predatore a preda il passo è brevissimo e, difatti, Il Falco capitola per 6-3 contro i rivali. Le altre due sorprese sono decisamente più dolci: l’avvio di Pro Secco e Soccer Group è smagliante. Il duello fra “Pro” vede il Secco prevalere sul Team per 3-1, mentre lo Zenit San Pietro Borgo soccombe sul filo di lana al Soccer Group. Rinviata la contesa tra DallCaDall e Nelson.
1,2,3…stella!!!
E’ quella al valore che si è cucito sul petto meritatamente Chillè D. (Catania Calcio) con la tripletta messa a referto questa settimana.

PRO – Quando il gioco si fa duro…

I duri cominciano a giocare: Rayo Pellicano, Manzo Team e Edil Five centrano l’obiettivo e mettono in cascina i primi tre punti. Il Rayo parte a rilento, ma poi ingrana e fa suo il match con AC Calcetto (4-2). Partenza a razzo per il Manzo Team, che stende con un tennistico 6-1 Gli amici “verdi” di Carmine. Infine, al termine di un incontro teso e bilanciato l’Edil Five mette al tappeto i Drunk Pirates con lo score di 3-2. Da recuperare lo scontro tra Ceranova Alcoolica e C.S.K. La Rissa.